15 49.0138 8.38624 1 1 3000 1 https://www.contentcorner.it 300 true 1
theme-sticky-logo-alt

Yoga online ai tempi del coronavirus

0 Commenti

Quanto mi piace questa gara di solidarietà che riempie i nostri canali social di cose interessanti da seguire. Temo che, poi, non potrò più farne a meno.
Io personalmente sto apprezzando moltissimo le lezioni di yoga, perché da quando ho deciso che la quarantena sarebbe stata anche un’occasione per avere più tempo da dedicare a me stessa, questa disciplina è parte integrante del mio programma.

Ho avuto la fortuna di scovare le lezioni di Micol Dell’Oro su Life Gate in diretta Facebook, ogni martedì e giovedì alle 19:00. Inoltre ho scoperto che l’app Down Dog, di solito a pagamento, sarà gratuita fino al 1° Maggio, ma ancora non l’ho provata. E oggi alle 18:00 proverò in diretta la lezione di Yoga dinamico di Selene Spiezia.

Ricordo benissimo la mia prima esperienza, durante l’estate del 2012, mentre ero in Portogallo a fare woofing.  Nel nostro gruppo c’èra una ragazza canadese, Anne-Marie La Plante, surfista e insegnante di yoga. Un sabato pomeriggio, prima della sua partenza volle che tutti partecipassimo alla sua lezione per salutarci. Mi ricordo di aver provato, subito dopo, una tale sensazione di benessere che andai spontaneamente ad abbracciarla e ringraziarla. Quando tornai in Italia decisi che avrei cominciate a praticare yoga regolarmente. Da allora non ho mai smesso.

Dal mio punto di vista l’aspetto più soddisfacente è la percezione di un netto miglioramento dal punto di vista fisico che però è direttamente connesso alla mia capacità di concentrarmi e lasciare andare le tensioni. In questo modo riesco a prendere maggiore consapevolezza di me e del mio corpo. Nell’immediato riesco a percepire un benessere psico-fisico al quale poi non riesco più rinunciare. Io lo vivo al pari di uno sport. Con una pratica costante si possono sicuramente ottenere grandi benefici e non è da sottovalutare quanto sia importante per la salute.

Namastè.

Articolo precedente
Una risata vi guarirà
Prossimo articolo
21 giorni per abituarsi al cambiamento

0 Commenti

La tua opinione